ENDODONZIA

Si tratta della devitalizzazione dell'elemento dentario gravemente compromesso da un processo carioso che ha raggiunto la polpa (il nervo) o in seguito a un trauma che ha provocato la necrosi (morte) della polpa stessa; la cura endodontica consiste quindi nello svuotamento dei canali dentali, nella loro disinfezione, sagomatura e nel loro successivo riempimento con materiali appositi. Lo scopo è quello di rendere impossibile la riproduzione dei batteri nei canali stessi, che potrebbero formare, all’apice dentale, un granuloma, che può, a sua volta, complicarsi successivamente in un ascesso dentario.

L’endodonzia si occupa anche dei ritrattamenti che consistono in una nuova esecuzione della cura canalare rimuovendo quella vecchia quando non sia più efficace.